REGIA Il programma

Visione ed analisi critica di audiovisivi didattici con gli allievi (lungometraggi, documentari, videoclip, spot pubblicitari e cortometraggi).

Campi e piani: Campo lunghissimo, Campo lungo, Totale, Campo medio, Figura intera, Piano americano, Mezzo busto, Primo piano, Primissimo piano e Dettaglio.

La composizione dell’inquadratura: colori, suoni, movimenti. Le inquadrature programmate: Scena, Sequenza, Piano sequenza, Soggettiva, Master. Campo e contro campo. Gli stacchi e i cambi di scena. Lo scavalcamento di campo: la regola dei 180 gradi. Il piano d’ascolto. Piano fisso e piani in movimento (panoramiche, zoomate, cambi di fuoco). Asse dello sguardo e direzione del movimento. Movimenti di camera (carrello, dolly, steadycam e camera a mano).

Analisi del linguaggio cinematografico e televisivo: dal testo alle immagini.

Il linguaggio come forma espressiva e di comunicazione.

Elementi scenici, volumi e masse. Centro dell’attenzione, diagonali prospettiche. Le quinte, altezza della camera ed angolo di ripresa. Passaggio di tempo, Passaggio spazio temporale.

Tecniche dello spostamento del centro di attenzione in una inquadratura o in un piano sequenza. La continuità narrativa e visiva.

Struttura narrativa di un prodotto audiovisivo. Il dialogo: dalla drammaturgia alla messa in scena.

Le fasi del processo creativo: Soggetto, Logue outline (commento drammaturgico e linguistico), Trattamento, Sceneggiatura, Shooting list, Storyboard.

Correzione ed analisi delle ercitazioni scritte degli allievi sulla sceneggiatura: visualizzazione e storyboard – esercitazioni pratiche di gruppo con la videocamera, sulla messa in scena di inquadrature e sequenze, partendo dallo storyboard.

Il lavoro con gli attori col metodo del “sottotesto”.

La registrazione del sonoro con l’audio in macchina.

La scenografia e i costumi. Lo spoglio della sceneggiatura.

Il ciak – il piano di lavorazione – il bollettino di riprese.

 

Top